Franco da Bergamo architector (1532-1575)

Silvia Della ColettaASC 2, ComunicazioniLascia un commento

La loggia di Ceneda

In una lettera del cardinale Giovanni Grimani, vescovo di Ceneda, ai consiglieri della Comunità si menziona un maestro Franco marangon, cui si dà mandato di veder et dar ordine et oprar quanto bisognerà circa al fabricar dela loza. La lettera permette così di identificare il progettista e il direttore dei lavori della Loggia di Ceneda, spesso attribuita, senza però basi documentali, al Sansovino.
Lo studio è dedicato alla figura di Franco [Facchinetto] da Bergamo, falegname, intagliatore, agrimensore, architetto, professionista noto e apprezzato nel Cenedese, la cui attività è infatti testimoniata anche a Conegliano, Serravalle, Portobuffolè.

Condividi

L'autore

Silvia Della Coletta

Laureata in Scienze Geologiche, attualmente lavora per una multinazionale. Ha al suo attivo alcune pubblicazioni di storia locale ed è coautrice del saggio "Ebrei nel Veneto orientale" (Firenze 2012), scritto insieme a Giovanni Tomasi.

L'autore
Giovanni Tomasi

Giovanni Tomasi

Nato a Revine nel 1948, laurea in Medicina e poi specialità a Genova, medico ospedaliero in pensione dal 2006. Ricercatore negli archivi e sul campo, si occupa dall’età scolare di linguistica, etnografia, storia e storia dell’arte, dal 1976 in maniera scientifica, con all’attivo una ventina di libri, tra l’altro due per la Fondazione Cini di Venezia, uno per la Diocesi di Vittorio Veneto e uno per la Magnifica Comunità di Cadore, e una sessantina di scritti minori, fra cui parecchi articoli su riviste specializzate. L’area d’interesse immediato è il Veneto settentrionale.

Silvia Della ColettaFranco da Bergamo architector (1532-1575)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *